Quarantena: manuale di sopravvivenza con i bambini chiusi in casa

(di Margherita Vetrano) – Carissimi, i giorni della quarantena si allungano, i termini si irrigidiscono e i bambini chiusi in casa scalpitano.

credits: M.Vetrano

Non c’è da sorprendersi.

La convivenza fa esplodere un fenomeno che da sempre accompagna i giochi dei nostri figli: piccoli danni e frizioni.

Sperimentare, inventare, creare; nelle loro attività l’effetto curiosità può spingerli a qualche attività che lasci strascichi… soprattutto su mobili e pareti.

“Ogni guerra ha le sue vittime!”

  • Dubitate dei piccoli quando sono troppo silenziosi: i trucchi di mamma sono un’attrazione irresistibile, ad esempio. Potreste trovare bambini pitturati e sorridenti, in un panorama da mattatoio a scapito dei vostri preziosi rossetti capitozzati!

  • Al secondo posto, lo smalto la fa da padrone: raramente finisce sulle unghie! Tenete sempre in casa dell’acetone in un rapporto almeno di 1:5. Una bottiglia per cinque di smalto: vi aiuterà a toglierlo da mobili e pavimenti. Nel caso in cui fosse usato per colorare i giochi non ci sarà molto da fare: gettateli via a cuor leggero, vi aiuterà a svuotare le camere. Dopo sarà più semplice riordinare.
  • Fra le cose da tenere d’occhio date la priorità a plastiline e slime: Difficile toglierli dalle pareti, una volta spalmati!
  • Tenete le forbici sotto chiave: dai capelli ai vestiti, passando per le coperte, tutto è a rischio!
  • Le zuffe fra i figli bruciano come un “fuoco di paglia”: aiutateli a venirne fuori incoraggiando chiarimenti, abbracci e strette di mano. Fare la “pace” è una delle attività più belle ed educative.
  • Se avete più figli preparatevi ad essere oggetto di accusa: gelosie ed incomprensioni possono scatenare piccole rappresaglie. Siate pacati e sereni nel dirimerle, dedicate tempo ed ascolto alle loro ragioni. Siate aperti alle critiche. Potreste imparare qualcosa.
  • Se non trovate più qualche figlio, cercate nell’armadio prima di uscire per strada: di solito sono lì, nascosti tra gli abiti.
  • Monitorate gli accessi ai vostri telefoni, può accadere di tutto: schede oberate, abbonamenti autorizzati, schermi rotti e chi più ne ha, più ne metta.
  • Se siete una mamma che stira, ricordate di non lasciare mai il ferro incustodito: il buco nel mio parquet ne testimonia ancora la caduta. I miei primi capelli bianchi, lo spavento!
  • Se i vostri aiutanti si prodigano per apparecchiare la tavola, siate comprensive in caso di danni: a pochi euro potrete ricomprare piatti e bicchieri e loro sapranno che nonostante tutto, il loro aiuto è sempre utile.

  • Dopo il balconing può esser necessario olio di gomito per togliere la terra rovesciata: fatevi aiutare e godete della gioia di vedere i vostri figli che curano piante e fiori. Il pollice verde si “coltiva” sin da piccoli!
  • Ma soprattutto, godete della compagnia dei vostri figli, beneficiate della loro creatività e sorprendetevi del loro punto di vista: potreste vedere le cose sotto un’ottica tutta nuova.

Nessun oggetto può essere più importante della loro compagnia!

***

Questo articolo e tutti gli articoli pubblicati da B-hop magazine sono originali e tutelati dal diritto d’autore. Per chiedere l’autorizzazione alla pubblicazione dei contenuti su altri siti o blog, riproduzione in qualsivoglia forma o sintesi, contattare info@b-hop.it e citare l’autore con link alla fonte.

    • Se sei arrivato fino in fondo e ti è piaciuto questo articolo….
  • Oppure puoi fare una donazione via PayPal all’associazione di promozione sociale B-hop semplicemente cliccando su questo link: https://www.paypal.me/bhopmagazine

Margherita Vetrano

classe ’73, mi formo all’Università dell’Aquila con studi economici ed attualmente lavoro a Roma dove vivo con il marito e i tre figli. Io B-hop perché...non c'è altra bellezza che fare ciò che ci fa star bene: scrivere notizie positive per raccontare il Mondo Migliore.
Margherita Vetrano

Margherita Vetrano

classe ’73, mi formo all’Università dell’Aquila con studi economici ed attualmente lavoro a Roma dove vivo con il marito e i tre figli. Io B-hop perché...non c'è altra bellezza che fare ciò che ci fa star bene: scrivere notizie positive per raccontare il Mondo Migliore.