Oculisti itineranti in Camerun. Il sogno realizzato di Stefane, immigrato in Italia

(di Agnese Malatesta) – Oculisti itineranti in Camerun per curare, a costi sociali, persone con problemi di vista. Girano da villaggio a villaggio in un paese dove i servizi sono per lo più in zone urbane e raggiungerli è già un problema: solo così i pazienti possono ricevere cure adeguate che altrimenti non potrebbero avere.

E’ quanto prevede un progetto imprenditoriale ideato, attivo da tre anni, da un immigrato camerunense in Italia,  Stefane Ebongue Koube, residente con moglie e figli a Settimo Torinese.

51 anni, laureato in giornalismo e comunicazione di massa, Master in letteratura inglese, Stefane è nel nostro paese dal 2007; ha lavorato nella mediazione culturale, ora è senza lavoro.  

“Ho sempre avuto il sogno di aiutare chi non vede bene.

Un’esperienza – spiega a B-hop magazine – che conosco perché anch’io sono ipovedente oltre che albino. Da bambino ho avuta tanta difficoltà nella vista, sono però riuscito lo stesso a laurearmi e a lavorare. In Camerun, gli oculisti sono pochissimi e concentrati in città. I pazienti si aiutano solo andando a trovarli dove abitano e non ad aspettarli nello studio”.

 

Appena ha avuto un po’ di soldi, Stefane ha potuto ideare e realizzare il progetto che si chiama ‘Focus Eye Care Unit’. Ora grazie ad un finanziamento di Etimos Foundation e della Croce Verde di Bricherasio (Torino), il progetto può contare sull’equipaggiamento di tre nuove ambulanze che si aggiungeranno a quella già operativa nel paese africano.

In questo modo le equipe di medici oculisti diventeranno quattro, garantendo una maggiore copertura del territorio. Lo scorso anno, l’ambulanza viaggiante di ‘Focus Eye Care Unit’ ha visitato 1535 persone di 18 località diverse; a queste sono state riscontrate soprattutto miopia, astigmatismo e cataratta.

Per ricevere le cure del caso, i pazienti pagano 2 mila franchi locali, pari a 3 euro, contro i 15 mila necessari se si rivolgessero a studi medici di città.

Inoltre, dallo scorso novembre, è attiva la campagna ‘Occhisani’ che permette la visita oculistica gratuita dei bambini nelle scuole di territori remoti e dove nessun oculista arriva.

La campagna ha ottenuto in parte il finanziamento della Ong legata all’ospedale romano Fatebenefratelli, Afmal (Associazione con il Fatebenefratelli per i malati lontani), che ha messo a disposizione il proprio personale sanitario per accogliere eventuali pazienti provenienti dal Camerun che devono sottoporsi a operazioni agli occhi estremamente delicate.

Il personale sanitario impegnato nel progetto è reclutato fra i medici in pensione che ricevono un compenso. Anche oculisti volontari dall’Italia potrebbero spendere una o due settimane presso gli ambulatori viaggianti in Camerun, come opera di volontariato.

Il sogno di Stefane però non è raggiunto del tutto: “avremmo bisogno di un’auto più potente, un pick-up, e di nuovi macchinari. Speriamo – dice – di ricevere ancora sostegni ed aiuti. Le spese pagate dai pazienti sono necessarie per sopravvivere, assicurare la benzina e gli stipendi dei medici. E’ necessario potenziare il servizio e migliorare le attrezzature. Abbiamo ancora tanto da lavorare”.

***

Questo articolo e tutti gli articoli pubblicati da B-hop magazine sono originali e tutelati dal diritto d’autore. Per chiedere l’autorizzazione alla pubblicazione dei contenuti su altri siti o blog, riproduzione in qualsivoglia forma o sintesi, contattare info@b-hop.it e citare l’autore con link alla fonte.

  • Se sei arrivato fino in fondo e ti è piaciuto questo articolo….
  • Oppure puoi fare una donazione via PayPal all’associazione di promozione sociale B-hop semplicemente cliccando su questo link: https://www.paypal.me/bhopmagazine

E’ bella e gratuita. Clicca qui per iscriverti

Agnese Malatesta
Agnese Malatesta

Agnese Malatesta

Giornalista professionista. Per trent’anni cronista all'Ansa, mi piace raccontare fatti e persone ‘comuni’. Scrivo su B-hop perché quelle storie, forse semplici ma non scontate, e comunque vitali e positive, di solito non fanno la storia del momento ma arricchiscono le vite di tutti. Mi piace pensare che questo sia un modo per contribuire al vivere civile. Sempre attratta dai temi sociali – laureata, più o meno consapevolmente, in Sociologia – guardo con passione alle novità in questo ambito. Ho una predilezione per i fiori, le rose in particolare, e per le scrittrici donne.