Questa è la storia di una danza indiana divina e di una danzatrice (1)

(di Patrizia Caiffa) – Qualche fettina di zenzero, un pò di semi di cardamomo e l’acqua bollente per il chai. L’incontro con Haru Kugo, una delle più talentuose ed esperte danzatrici di Bharata Natyam in Italia, inizia in cucina. Dietro l’angolo c’è l’altare con gli incensi accesi e i fiori davanti alle più importanti divinità hindu: Ganesh, Shiva, Laksmi… 

L’atmosfera indiana si sente nei profumi e nel sapore del famoso thè realizzato con l’aggiunta di spezie, latte e zucchero. Si vede nei suoi occhi orientali finemente truccati con il kajal nero. Milanese di nascita, padre giapponese e mamma italiana, il suo destino dell’anima l’ha fatta fermare a metà strada tra il Giappone e l’Italia: l’India. Una passione umana e artistica che è come una storia d’amore, “di gioia ma anche di sofferenza”.

In India si dice che ciò che è bello è vicino a Dio. “Cercavo un mezzo per arrivare al divino – racconta a b-hop  -. Questo tipo di danza per me è devozione ed offerta di sè, è una forma di sublimazione e di elevazione spirituale. Quello che mi affascina di più è il fatto di interpretare tutti i ruoli della storia: sei il vento, il paesaggio, un personaggio. Con lo sguardo, il gesto e il movimento del corpo  fluisci e non ci sei più, ti dimentichi di te stessa”. Gli spettatori occidentali, pur non comprendendo bene i significati e il contesto, rimangono affascinati dalla bravura e dalla grazia della danzatrice, e catturati profondamente nelle emozioni.

10694420_10203897735256415_8670873121017251756_o

Caratteristico delle danze indiane è infatti l’uso degli occhi, assolutamente espressivo. Tutto è iniziato una ventina d’anni fa, quando ai tempi del liceo frequentava le cucine di Avinash Ganesh, il più famoso cuoco indiano di Milano, morto lo scorso anno a 61 anni. Lì ha imparato a fare bene il chai e a stordirsi degli aromi della culinaria indiana. Una sera Haru assiste ad uno spettacolo di danza Bharata Natyam: “Sono rimasta senza parole, sconvolta. Sono corsa nel backstage a parlare con le danzatrici e ho chiesto: ‘Dove si impara questa cosa?”. Senza sapere né come, né perché, si è ritrovata  in un corso per principianti condotto da colei che sarebbe poi divenuta la sua prima insegnante, Monica Gallarate. “Sono stati tre anni di assoluto caos, in cui non capivo assolutamente niente, c’erano dei testi in sanscrito, in tamil, spiegazioni su spiegazioniricorda -. Tutto quello che avevo imparato con la danza classica non mi è servito a nulla, ho dovuto impostare il corpo, la mente e lo sguardo su parametri completamente diversi”.

Impossibile descrivere l’armonia e la complessità simbolica della danza Bharata Natyam: millenni di anni fa si chiamava “Dasi attam”, danza dell’ancella, ed era eseguita dalle devadasi nei templi hindù. Queste bellissime donne, considerate spose delle divinità, erano una sorta di canale tra il divino e gli spettatori. Ogni singola danza è eseguita come se fosse un testo teatrale, ed è sempre preceduta da una preghiera e da una offerta rituale, la puja. La danzatrice con gli occhi e la gestualità rappresenta diversi personaggi di una storia.

1491353_10205424598282575_2497898413729599373_o

Con le invasioni islamiche, poi l’impero britannico nel XIX secolo, la danza vive un periodo di profondo declino e di stigma sociale nei confronti delle danzatrici, assimilate alle prostitute. Fino al famoso editto del 1920, il “Devadasi act”, che vieta la danza all’interno dei templi. E’ proprio in questo periodo che una donna illuminata di casta elevata, Rukmini Devi, la più famosa danzatrice indiana (1904-1986) decide con un gruppo di brahmini di ridare dignità a questa antica danza: vengono studiate le gestualità dai fregi dei templi, e nasce così il Bharata Natyam, bharata come “India” e natyam come “danza”. Anche se una spiegazione più esoterica riunisce nelle sillabe “bha”, “ra”, “ta” i significati di espressione, melodia e ritmo, le tre componenti fondamentali della danza.

Rukmini Devi fonda a Madras (che ora si chiama Chennai), nello Stato meridionale del Tamil Nadu, l’Accademia Kalakshetra, dove la danza viene insegnata con una disciplina quasi marziale, aprendo le porte anche ai non-indiani. Soprattutto francesi, russi, giapponesi e italiani. Che devono faticare tre volte più degli indiani per rielaborare i contenuti di una cultura totalmente diversa.

(clicca qui per leggere il finale della storia)

Patrizia Caiffa

Patrizia Caiffa

Giornalista professionista, scrittrice, sempre in viaggio nei vari Sud del mondo e curiosa di nuove avventure, dentro e fuori di me. Io b-hop perché amo cantare con le parole per esprimere bellezza e dare voce contro le ingiustizie che coinvolgono popoli e migranti.
Patrizia Caiffa
Patrizia Caiffa

Patrizia Caiffa

Giornalista professionista, scrittrice, sempre in viaggio nei vari Sud del mondo e curiosa di nuove avventure, dentro e fuori di me. Io b-hop perché amo cantare con le parole per esprimere bellezza e dare voce contro le ingiustizie che coinvolgono popoli e migranti.