Legge di bilancio: la “contro-manovra” di “Sbilanciamoci!” per ridurre le disuguaglianze

(di Agnese Malatesta)  – Meno spese militari, più investimenti per politiche di pace e cooperazione internazionale. Una scelta mirata allo sviluppo della convivenza civile che aprirebbe nuovi percorsi di vita a cittadini e cittadine del mondo.

Una scelta possibile, per niente un sogno, secondo il Rapporto Sbilanciamoci 2020, presentato di recente;

la ‘contromanovra’ sulla spesa pubblica italiana attenta ai diritti umani

che arriva, come ormai ogni anno, nel periodo in cui governo e parlamento sono impegnati ad approvare la prossima legge di bilancio.

Un centinaio le proposte di Sbilanciamoci!, da complessivi 46,4 miliardi di euro a saldo zero, che sostiene forti investimenti pubblici per politiche redistributive.

Lo sguardo è verso una “società più istruita, formata e sana” tale da “esprimere un’economia più innovativa e capace di futuro”.

Il Rapporto  si occupa di ‘un’economia diversa’ sulle vitali questioni delle persone, dal lavoro al fisco, dal disarmo all’ambiente, alla scuola, all’accoglienza dei migranti, all’economia sociale e solidale.

La Campagna Sbilanciamoci! è nata nel 1999 e riunisce 49 fra organizzazioni e reti della società civile italiana impegnate sui temi della spesa pubblica e delle alternative di politica economica.

La promozione della pace e della cooperazione è un punto strategico dell”economia diversa’.

Prima di tutto, vanno ridotte le spese militari: 4 miliardi di euro da ottenere diminuendo le unità delle Forze Armate (meno 150 mila), bloccando l’acquisto degli F35, ritirando immediatamente le truppe italiane in missione all’estero, tagliando gli stanziamenti per l’acquisizione di nuovi sistemi d’arma in capo al Ministero dello Sviluppo Economico.

Una parte dei risparmi andrebbero a finanziare vere politiche di pace e cooperazione internazionale, a potenziare gli aiuti pubblici allo sviluppo e le attività di peacebuilding.

Potrebbero essere aumentati sia i fondi per una più larga sperimentazione dei Corpi Civili di Pace sia  le risorse del Fondo Africa per interventi di comunità locali permettendo così di incentivare le loro economie e  difendere i diritti umani fondamentali.

Infine, uno sguardo del rapporto di Sbilanciamoci! va al servizio civile, le cui risorse per il 2020 arrivano a meno di 140 milioni, ritenute “assolutamente insufficienti”. La contromanovra chiede stanziamenti aggiuntivi pari a 260 milioni, in modo da consentire di bandire 65 mila posti in Italia e 2 mila all’estero, a fronte rispettivamente di 20 mila e 500 previsti in base agli attuali livelli di finanziamento.

***

Questo articolo e tutti gli articoli pubblicati da B-hop magazine sono originali e tutelati dal diritto d’autore. Per chiedere l’autorizzazione alla pubblicazione dei contenuti su altri siti o blog, riproduzione in qualsivoglia forma o sintesi, citando l’autore e linkando la fonte, contattare info@b-hop.it

  • Se sei arrivato fino in fondo e ti è piaciuto questo articolo….

Agnese Malatesta

Giornalista professionista. Per trent’anni cronista all'Ansa, mi piace raccontare fatti e persone ‘comuni’. Scrivo su B-hop perché quelle storie, forse semplici ma non scontate, e comunque vitali e positive, di solito non fanno la storia del momento ma arricchiscono le vite di tutti. Mi piace pensare che questo sia un modo per contribuire al vivere civile. Sempre attratta dai temi sociali – laureata, più o meno consapevolmente, in Sociologia – guardo con passione alle novità in questo ambito. Ho una predilezione per i fiori, le rose in particolare, e per le scrittrici donne.
Agnese Malatesta
Agnese Malatesta

Agnese Malatesta

Giornalista professionista. Per trent’anni cronista all'Ansa, mi piace raccontare fatti e persone ‘comuni’. Scrivo su B-hop perché quelle storie, forse semplici ma non scontate, e comunque vitali e positive, di solito non fanno la storia del momento ma arricchiscono le vite di tutti. Mi piace pensare che questo sia un modo per contribuire al vivere civile. Sempre attratta dai temi sociali – laureata, più o meno consapevolmente, in Sociologia – guardo con passione alle novità in questo ambito. Ho una predilezione per i fiori, le rose in particolare, e per le scrittrici donne.