Game of Thrones, ultima puntata. Il cerchio verrà chiuso

(di Silvia Chessa)Game of Thrones, conosciuta anche come “Il trono di spade”, fin dal 2011 è una serie tv di successo internazionale. Il 20 maggio, dopo 8 anni, si concluderà definitivamente. Otto stagioni, 73 episodi per mostrare battaglie, intrighi politici, strategie, stragi, amore, odio.

Una serie tv capace di far appassionare tutti: dai più giovani agli adulti. Una serie capace di stravolgere il cuore e la mente. È inevitabile non farsi prendere dalla trama, dalle strategie che vengono attuate e dal fare proprie le teorie proposte.

Fin dal primo episodio si viene catapultati in un mondo ispirato al Medioevo con elementi di magia non troppo accentuati: perfetto per chi ama un’ambientazione storica e non particolarmente il genere fantasy.

Game of Thrones si incastona in un low fantasy storico.

I personaggi hanno caratteri differenti e ognuno ha le proprie sfaccettature: anche se sembrano buoni e giusti, le loro caratteristiche possono essere ribaltate in un solo episodio. Via libera, quindi, ad intrighi di corte, battaglie per il trono, stragi di innocenti, assedi cittadini e minacce più potenti degli uomini stessi.

Non esiste il bene o il male. Esiste il gioco dei troni, ed ogni spettatore sceglie da che parte stare.

Cosa si nasconde dietro ad una regina? E cosa è celato negli occhi degli abitanti del Nord?

Ad un certo punto, quando si pensa che al peggio non c’è mai fine, lo spettatore giunge a chiedersi se gli uomini siano i veri cattivi. C’è altro? C’è altro oltre la cattiveria, l’astuzia, la brama di potere?

Le scene, girate in Islanda, Croazia, Italia e Spagna conferiscono al Trono di Spade un’ambientazione più realistica del previsto.

Fantastici paesaggi innevati e scogliere con le mura della città a picco sul mare sono i protagonisti delle maggiori scene.

Ma ciò che spinge lo spettatore a continuare a vedere gli episodi sono i personaggi. Ognuno è ciò che è per un motivo. Ciò che hanno subito, ciò che hanno affrontato, li ha portati ad essere in quel modo.

Non esistono buoni e cattivi, vincitori e vinti, deboli e potente. Ogni personaggio sfrutta le risorse che ha per arrivare sul Trono di Spade e regnare sui Sette regni di Westeros. Ma a quale prezzo? Quante centinaia di vite umane servono? Alcuni personaggi non avranno scrupoli, altri saranno inondati dai sensi di colpa.

Lunedì con l’ultimo episodio, il cerchio verrà chiuso. Molti personaggi si perderanno per strada, altri ne troveranno una nuova. Ma per molte persone, qualunque risvolto prenderà la serie, nella gloria o nella delusione, rimarrà sempre nel cuore.

Perché in fondo, ci siamo tutti noi in quei personaggi.

foto: by Azur Cosplay Photography

Silvia Chessa

Abito ad Ostia e da sempre la vivo. Il mare è la mia fonte di ispirazione e la mia casa. Sono appassionata di libri, architettura e scrittura. Io B-hop perché le storie reali sono la vera bellezza.
Silvia Chessa

Silvia Chessa

Abito ad Ostia e da sempre la vivo. Il mare è la mia fonte di ispirazione e la mia casa. Sono appassionata di libri, architettura e scrittura. Io B-hop perché le storie reali sono la vera bellezza.