Coronavirus: Legambiente lancia “100 carrelli per Catania”. Spesa solidale per chi è in difficoltà

Legambiente Catania lancia sulla piattaforma di crowdfunding www.laboriusa.it il progetto “100 carrelli per Catania”, con l’obiettivo di contribuire a contenere il disagio sociale che inizia a crescere a dismisura a causa dell’emergenza coronavirus.

“Oltre quella barricata fatta di paure e preoccupazioni che fanno alzare l’asticella dell’emergenza sociale – commenta la presidente di Legambiente Catania Viola Sorbello – c’è una città attiva, positiva, attenta, generosa, laboriosa, che si muove al ritmo del cuore, ritrovando le forze per reagire e soprattutto per sostenere i più fragili. In questo momento siamo tutti in difficoltà, ma chi ha un po’ di più è tenuto ad aiutare chi vacilla”.

“Chi può riempire il carrello, spingendolo fino a casa, ha il dovere di aiutare coloro che realmente rischiano di patire la fame e la miseria”.

“Mentre il governo assume importanti decisioni con politiche di welfare e misure che devono comunque superare le trafile burocratiche e distanze geografiche – continua Sorbello – ci sono piccoli gesti che possono nell’immediato offrire una boccata d’ossigeno. Un pacco di pasta, una scatola di legumi e una confezione di tonno, ma anche libri di narrativa o testi scolastici: ingredienti per restituire al presente quella dignità strappata dall’emergenza”.

Legambiente Catania si è subito messa in rete con l’associazionismo del territorio, tra cui la Comunità di Sant’Egidio, per adottare alcune famiglie maggiormente bisognose e consegnare beni di prima necessità acquistati dai produttori del territorio (Mercatino Terre dell’Etna).

Saranno ben accette tutte quelle realtà economiche che vorranno farsi avanti e aderire al progetto del circolo etneo, per smistare le buste della spesa.

***

  • Se sei arrivato fino in fondo e ti è piaciuto questo articolo….

Patrizia Caiffa

Direttrice responsabile di B-hop magazine. Giornalista professionista, lavoro dal '98 all'agenzia Sir. Scrivo libri e viaggio (tanto) nel Sud del mondo. Curiosa di nuove avventure, dentro e fuori di me, ho voluto B-hop per portare bellezza, fiducia e consapevolezza nel mondo dell'informazione.
Patrizia Caiffa
Patrizia Caiffa

Patrizia Caiffa

Direttrice responsabile di B-hop magazine. Giornalista professionista, lavoro dal '98 all'agenzia Sir. Scrivo libri e viaggio (tanto) nel Sud del mondo. Curiosa di nuove avventure, dentro e fuori di me, ho voluto B-hop per portare bellezza, fiducia e consapevolezza nel mondo dell'informazione.