A Roma apre il primo ristorante al mondo con menù completo al gelato

(di Giulia Segna)Gelato d’essai è il primo al mondo: il ristorante dove il gelato è servito accanto allo spezzatino di maiale o alla spigola grigliata. Un’idea originale e rivoluzionaria nata dall’intuizione dei gelatieri Geppy Sferra e Alessio Schioppa, in collaborazione con lo chef Marco Mezzaroma. Il locale si trova nella periferia di Roma, quartiere Centocelle. Sabato 13 aprile ci sarà una grande inaugurazione con assaggio gratuito di selezioni dal menù.

Geppy Sferra per anni ha fatto il grafico ma coltivava il sogno di aprire una sua gelateria. Nel 2011 l’ha realizzato con l’apertura di Strawberry Fields, nel cuore di Colli Aniene, zona est di Roma. Ma la passione per il gelato e il desiderio di sperimentare, l’hanno portato ad inventare qualcosa di completamente innovativo. L’avventura che sta per iniziare ha un sapore molto più dolce. Anzi, agrodolce!

Geppy Sferra

Domenica 14 aprile Geppy darà avvio ad una nuova originale attività di gelatiere, accompagnato dal collega Alessio Schioppa e dallo chef Marco Mezzaroma.

I tre, dopo anni di confronti e sperimentazioni, hanno intuito che il gelato potesse essere gustato accanto ad uno spezzatino di maiale o ad una spigola grigliata oltre che come singolo pasto, nei soliti coni e coppette.

Abbinamenti sorprendenti ma in perfetta armonia tra loro, frutto di tanto lavoro e di una attenta ricerca di equilibrio dei sapori.

“La sfida più difficile è stata quella dell’individuare il perfetto accostamento freddo-caldo affinché le papille gustative non subissero uno shock”,

spiega  Geppy Sferra a B-hop.

“Il gelato, prodotto per il quale ho una passione profondissima e un’ammirazione incredibile – prosegue -, è stato per troppo tempo rinchiuso in una sorta di gabbia culturale che lo ha relegato alla sola categoria di dessert. Ha subito un’ingiustizia ed è un peccato non coglierne la sua complessità, fisica e gustativa”.

“Fino ad ora sono stati fatti esperimenti sulla sua composizione, talvolta anche snaturandolo, mentre io ho voluto abbinarlo alla gastronomia stando attento a tutelarne le tradizionali caratteristiche di freddezza, cremosità e dolcezza. Ad essere sinceri, in questo modo vengono addirittura esaltate!”

Sabato 13 aprile sarà possibile partecipare all’inaugurazione del primo ristorante del gelato, ubicato in Via Tor de’ Schiavi 295 all’interno della galleria pedonale, nel quartiere Centocelle di Roma. Alcune combinazioni selezionate potranno essere assaggiate gratuitamente.

Il menù è suddiviso in tre macro aree gastronomiche: tra le proposte de “Il Gelato e l’Orto” c’è la crema di patate, bieta e funghi con gelato alla nocciola romana oppure il carciofo su cialda di patate all’elicriso con gelato alla liquirizia di Rossano; ne “Il Gelato e la Fattoria” ci si imbatte nel piatto di misticanza, coppa di maiale, toma e melograno con sorbetto al mandarino tardivo di Ciaculli o nel curry di pollo con gelato al cocco; ne “Il Gelato e il Mare” si possono gustare la spigola grigliata in salsa di senape, tartufo e miele con sorbetto al cacao puro oppure le ballotine di salmone e asparagi con sorbetto alla fragola.

Sapori semplici e allo stesso tempo raffinati, che danno garanzia di una qualità molto elevata delle materie prime: il mandarino tardivo di Ciaculli e la mandorla di Toritto sono presidi Slow Food, il pistacchio è di Bronte Dop, fichi e cannella sono forniti da una rinomata azienda agricola, il miele è bio, le noci provengono da Sorrento. I prodotti seguono l’andamento stagionale, è per questo che l’offerta di gusti di gelato, sia quello al bancone che quello servito nel piatto, subisce una variazione a seconda del periodo dell’anno.

Geppy Sferra, entusiasta e sorridente, non vede l’ora di accogliere nel suo nuovo ristorante i clienti più curiosi, alla ricerca di nuove emozioni culinarie.

“Sono pronto a sfidare i più scettici e tradizionalisti. Il gelato ha ancora tanto da insegnarci e per molto altro tempo riuscirà a sorprenderci. Fidatevi di me!”

Per maggiori info sul menù: www.gelatodessai.it

Giulia Segna

Nata a Roma, ho una laurea triennale in Mediazione linguistico-culturale e una specialistica in Scienze Politiche. Lavoro nel settore della Cooperazione internazionale. Mi diverto a osservare, ascoltare e annotare la realtà che mi circonda: la vita è colorata di infinite sfumature ma per riuscire a vederle bisogna rallentare e concedersi il giusto tempo. Io B-hop perché... pensare e diffondere positività è la chiave per vivere felici, tutti.
Giulia Segna

Giulia Segna

Nata a Roma, ho una laurea triennale in Mediazione linguistico-culturale e una specialistica in Scienze Politiche. Lavoro nel settore della Cooperazione internazionale. Mi diverto a osservare, ascoltare e annotare la realtà che mi circonda: la vita è colorata di infinite sfumature ma per riuscire a vederle bisogna rallentare e concedersi il giusto tempo. Io B-hop perché... pensare e diffondere positività è la chiave per vivere felici, tutti.