Dalle news tossiche al giornalismo di comunità. Corso pratico per non addetti ai lavori (II edizione)

Quando: sabato 14 e sabato 21 novembre 2020
Orari: 9.30-18

Dove: Roma, via Cesare Baronio, 61 (sede associazione Sal)
Metro A – Furio Camillo

Se vuoi imparare i segreti del mestiere senza essere del mestiere;

se hai voglia di metterti in gioco e di costruire un blog;

se vuoi capire come distinguere una fake news da una notizia vera;

se sei stanco di notizie tossiche;

se ti va di cimentarti in reportage di viaggio;

se vuoi conoscere alcuni elementi di video-giornalismo;

Se pensi che quella del giornalista sia una professione seria che non si può scimmiottare, ma che si può imparare ad amare.

Allora iscriviti all’edizione 2020 del nostro corso sul giornalismo di comunità, dove apprenderai la bellezza delle narrazioni differenti e costruttive.

È giusto sapere che per diventare giornalista servono anni di sacrifici, il praticantato e l’esame dell’Ordine dei Giornalisti.

A noi interessa farti capire le ragioni profonde di un mestiere che amiamo e che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo.

Un team di giornalisti professionisti ed esperti di comunicazione ti racconterà:

  • come nasce un’inchiesta di comunità
  • quali fonti selezionare
  • come divulgare news sui social e fare un comunicato stampa
  • i segreti del mestiere
  • come fidarti dell’intuito per capire cosa è una notizia
  • come usare gli strumenti per diventare “citizen journalist”
  • come organizzare un viaggio che può diventare anche un reportage o un racconto con taglio giornalistico
  • perché questo tipo di notizie e reportage incidono sul cambiamento.

Noi tutti possiamo contribuire a cambiare il mondo usando meglio le informazioni di cui disponiamo.

Questo corso, giunto alla seconda edizione, è inedito: non è teorico, ma interattivo e pratico. Sono previste esercitazioni e follow up di quanto appreso, con valutazione finale da parte dei docenti e possibilità di pubblicare su una testata giornalistica i migliori lavori.

Diventerai un divulgatore di news belle, costruttive e sane.

***
Target: da 18 a 90 anni. Studenti di giornalismo/blogger/comunicatori/social media experts/cittadini che vogliono imparare a comunicare meglio e ad avere più strumenti per leggere la realtà raccontata dai media

Partecipanti: a numero chiuso.

Docenti:

  • Patrizia Caiffa: giornalista professionista e scrittrice. Laureata in lingue moderne, ha viaggiato in circa 60 Paesi, coprendo importanti fatti di cronaca nazionale ed internazionale. Lavora dal 1998 all’Agenzia SIR, collabora con numerose testate nazionali. E’ specializzata in temi sociali, migrazioni, esteri (Asia, America Latina e Africa). Ha tenuto corsi di Teoria e tecniche del giornalismo alla Pont. Università Urbaniana. È ideatrice e direttrice responsabile di B-hop.

Focus tematico: cos’è il giornalismo costruttivo e di comunità. L’importanza delle storie che cambiano la realtà o l’immaginario in maniera positiva. Come si trova e come si costruisce una “bella notizia”, tra cronaca e notizie evergreen. Come organizzare un reportage di viaggio: le fonti, la pianificazione, gli strumenti del mestiere. Esercitazioni.

  • Maria Ilaria De Bonis: giornalista professionista specializzata in economia, ha lavorato per Agi e Reuters. Dopo 3 anni all’estero come cronista (Bruxelles e New York), si è trasferita a Gerusalemme con la Cooperazione italiana allo Sviluppo e da freelance ha scritto di conflitto israelo-palestinese. Oggi lavora nella redazione di un mensile cattolico, scrive anche su B-hop e si occupa di diritti umani, povertà, Africa e Medio Oriente.

Focus tematico: intreccio tra giornalismo e attivismo: come nasce un’inchiesta sui diritti umani violati (occupazione militare, land grabbing) e come questa può incidere sul cambiamento. Il giornalismo che fa emergere l’ingiustizia e contribuisce a risolverla.

  • Massimo Lavena: giornalista professionista, specialista di politica internazionale (Africa e Asia), si occupa di cinema, radio e televisione. Vaticanista, lavora per una istituzione internazionale. Esperto dell’Olimpismo, ha insegnato in corsi accademici “Etica e morale dello sport nei media” e “Comunicazione della vittoria e della sconfitta”. Studioso dei fenomeni della comunicazione dell’emergenza. Germanista per l’Agenzia Sir. Scrive anche su B-hop.

Focus tematico: il giornalismo nelle situazioni di emergenza (calamità naturali, terrorismo, conflitti). L’emergenza delle situazioni positive: concerti, manifestazioni politiche, sportive, sociali. Gli strumenti per diventare citizen journalist (testi/video/foto).

  • Agnese Malatesta: giornalista professionista. Ha lavorato per 30 anni alle Cronache Italiane dell’Agenzia ANSA, con la quale ancora collabora. Laureata in Sociologia. Nel suo lavoro è sempre stata impegnata nei fatti di cronaca, in particolare sui temi sociali. Insegnante di giornalismo in corsi scolastici. Collabora, fra l’altro, con B-Hop Magazine e NoiDonne. È interessata alla cronaca ‘positiva’, ossia alle notizie di fatti quotidiani che creano relazioni e raccontano le comunità.

Focus tematico: La notizia: cos’è; come nasce; come si costruisce; come si diffonde. La ricerca della notizia. L’importanza del titolo. Il linguaggio dei diversi media. Le fonti. La vita in redazione. Come si riconosce una fake. Il ruolo del giornalista nel contesto social. Esercitazioni.

  • Nicola Perrone: Sociologo della Comunicazione, esperto di Comunicazione. Lavora presso il coordinamento di associazioni “Solidarietà e Cooperazione CIPSI” onlus, è vice-direttore della rivista bimestrale ‘Solidarietà internazionale’ e responsabile dell’Ufficio Stampa. Inoltre è Coordinatore responsabile per il Servizio Civile Universale del CIPSI. È presidente dell’associazione di promozione sociale B-hop. Coordinatore del corso.

Focus tematico: nozioni di teoria sociologica della comunicazione. Come un ufficio stampa può incidere per cambiare l’informazione mainstream e la realtà? (casi concreti). Conoscere la comunicazione per diventare cittadini consapevoli.

Promotori: Associazione di promozione sociale B-hop (www.b-hop.it). Sede: via G.Angelini 16 00149 Roma

Chi siamo: B-hop nasce nel 2014 come magazine on line (www.b-hop.it) e nel 2018 diventa testata giornalistica e Associazione di promozione sociale. È il primo magazine di giornalismo costruttivo che integra i temi della crescita interiore con l’azione sociale e culturale. Bellezza, fiducia, consapevolezza sono le parole d’ordine nella scelta delle notizie.

Per la presente edizione le attività didattiche si svolgeranno in un’aula che permette il distanziamento, secondo quanto previsto dai protocolli di sicurezza legati all’emergenza Covid-19. Il corso si svolgerà se si raggiunge il numero minimo di iscritti.

Scadenza iscrizioni: 6 novembre 2020. È previsto un rimborso spese di 120 euro da versare tramite bonifico bancario entro la data di scadenza (IBAN: IT06 G 05034 03209 000000010334 intestato a Aps B-hop).

Per informazioni e prenotazioni: preferibile un primo contatto via mail scrivendo a info@b-hop.it. Tel: 329/0810937.

Scarica qui la scheda d’iscrizione

N.B. Non si tratta di un corso propedeutico all’iscrizione all’Ordine dei giornalisti ma intende fornire a chi frequenta le capacità di comprensione del mondi della notizia, a livello sociale, culturale e pedagogico.

redazione b-hop
redazione b-hop

redazione b-hop

B-hop, testata giornalistica no profit, dal 2014 è il primo magazine ad alto tasso di belle notizie che integra i temi della crescita interiore con l’azione sociale e culturale. E' L'INFORMAZIONE, BELLEZZA!