“C’eravamo tanto amati”. Separarsi in maniera “intelligente” con la mediazione familiare

di Patrizia Caiffa – Durante il lockdown, ma anche ora nell’incertezza di una ripartenza dai contorni poco chiari, tante coppie e famiglie sono state messe a dura prova dalla convivenza forzata in spazi chiusi e spesso ristretti.

L’isolamento ha obbligato i partner a confrontarsi con la realtà che stavano vivendo, ha messo a nudo le fragilità più profonde, le aspettative reciproche.

Molte ne sono uscite rafforzate perché hanno sperimentato la gioia di stare insieme. Altre invece sono “scoppiate” non appena i nodi sono venuti al pettine.

Sono infatti aumentate le richieste di separazione e molte convivenze si sono interrotte improvvisamente.

Per separarsi in maniera pacifica ed “intelligente”, al fine di tutelare il benessere dei figli, uno strumento utilissimo è quello della mediazione familiare.

Costanza Castelli

La mediazione familiare, spiega a B-hop l’esperta Costanza Castelli, avvocato, mediatore familiare e consulente familiare e di coppia, “consiste in un percorso volontario e riservato, strutturato in massimo 12 incontri, rivolto alle coppie che hanno deciso di separarsi o di interrompere la convivenza, in corso di separazione o di divorzio.

Possono ricorrervi anche coppie già separate da tempo, quando sentono la necessità di rinegoziare gli accordi di separazione che riguardano l’affidamento dei figli o gli aspetti patrimoniali”.

Obiettivi della mediazione familiare sono: gestire il conflitto che nasce dalla decisione di separarsi; sostenere la genitorialità; facilitare la comunicazione nella coppia; favorire la collaborazione per realizzare l’affidamento condiviso dei figli; raggiungere accordi senza delegare a terzi le decisioni importanti che riguardano la famiglia, come la gestione dei figli o le questioni economiche.

Non è una terapia di coppia e non serve per riconciliarla. Non sostituisce le procedure legali ma i due strumenti si integrano tra loro.

Vi si può ricorrere prima, durante o dopo una procedura legale.

Gli accordi raggiunti dalle parti nel corso della mediazione familiare potranno, se necessario, essere presentati al giudice tramite i legali per la necessaria omologazione o costituire un accordo negoziale tra genitori nel caso di coppie di fatto.

L’accordo potrà essere “ufficializzato” in sede giudiziaria.

La mediazione familiare aiuta a considerare la separazione come un momento decisivo per costruire un nuovo futuro come genitori e non come l’inizio di un conflitto familiare.

I principali problemi che contraddistinguono chi si rivolge alla mediazione familiare sono infatti l’incomunicabilità  e l’incapacità di gestire la conflittualità.

“La mediazione familiare è uno spazio riservato di confronto e di dialogo che permette di trasformare la conflittualità che nasce dalla sofferenza e dalla rabbia in un confronto maturo

che porti a delle decisioni condivise prese direttamente dalle parti nell’interesse primario dei figli  anziché da terzi quali gli avvocati ed i giudici”.

Il legislatore, sulla spinta delle normative internazionali e degli studi scientifici, ha introdotto da anni la possibilità di ricorrere all’istituto della mediazione familiare nella separazione e nel divorzio in presenza di figli.

Il più delle volte è il giudice stesso a consigliare alle coppie di tentare una mediazione, per raggiungere un accordo e trasformare una separazione giudiziale in separazione consensuale.

Le parti sono libere di consultare i propri avvocati e anzi sarebbe auspicabile una collaborazione tra professionisti della famiglia per aiutarle a raggiungere accordi condivisi e duraturi.

credits: Pixabay

Ma sempre più coppie stanno scoprendo in maniera volontaria, e in qualsiasi momento della vita, questo tipo di consulenza innovativa.

Tante le storie di successo che potrebbero essere raccontate. Come quella di Walter e Giulia (nomi di fantasia), coppia di fatto e giovani genitori di una ragazza di 15 anni. Giulia ricorre in giudizio per ottenere degli arretrati dovuti da Walter e chiedere che il padre rispetti i giorni di frequentazione con la figlia.

Lamenta il fatto che Walter veda raramente la ragazza, con grande sofferenza di quest’ultima.

Il percorso di mediazione aiuta Walter e Giulia a ripercorrere la loro storia, a ritrovare una buona comunicazione  e una nuova comprensione.

Ma aiuta soprattutto il padre a riavvicinarsi alla figlia, invitandola a frequentare anche gli altri fratelli, figli di secondo letto di Walter.

I due trovano anche un accordo economico e Giulia rinuncia alla causa.

“E’ stato un percorso lungo ma emozionante” racconta Costanza Castelli, che li ha aiutati a trasformare un conflitto in una grande opportunità di crescita personale e relazionale: “Alla fine delle sedute si sono sentiti finalmente rasserenati. E’ stato molto bello e commovente”.

Il momento della separazione o della interruzione della convivenza delle coppie non sposate è sempre difficile e delicato, sottolinea l’esperta, specie in presenza dei figli: “le persone non comunicano ormai da tempo o comunicano solamente in maniera disfunzionale, alimentando  il conflitto, la sofferenza e il disagio”.

Quando ci sono figli, questi diventano “vittime innocenti” dei loro stessi genitori: “Travolti dalla rabbia e dalla sofferenza, non controllano le proprie reazioni, pur amando i loro figli incondizionatamente.

Chiediamo ai genitori che si separano – conclude – di continuare a comunicare responsabilmente e collaborare fattivamente per assicurare una crescita sana ed equilibrata ai figli che necessitano di vivere in un clima disteso con entrambi i genitori. Oggi più che mai anche i padri reclamano a gran voce di essere presenti quanto le madri nella vita dei loro figli”.

Info: Costanza Castelli – viale Pinturicchio, 19 Roma | tel. 393-93557778

Consulente familiare Aiccef | Professionista Mediatore Familiare e supervisore Aimef certificato UNI | Membro dell’Organismo di Mediazione familiare dell’Ordine degli Avvocati di Roma

***

Questo articolo e tutti gli articoli pubblicati da B-hop magazine sono originali e tutelati dal diritto d’autore. Per chiedere l’autorizzazione alla pubblicazione dei contenuti su altri siti o blog, riproduzione in qualsivoglia forma o sintesi, contattare [email protected] e citare l’autore con link alla fonte.

  • Se sei arrivato fino in fondo e ti è piaciuto questo articolo….
  • Oppure puoi fare una donazione via PayPal all’associazione di promozione sociale B-hop semplicemente cliccando su questo link: https://www.paypal.me/bhopmagazine

Newsletter

 

Patrizia Caiffa
Patrizia Caiffa

Patrizia Caiffa

Direttrice responsabile di B-hop magazine. Giornalista professionista, lavoro dal '98 all'agenzia Sir. Scrivo libri e viaggio (tanto) nel Sud del mondo. Curiosa di nuove avventure, dentro e fuori di me, ho voluto B-hop per portare bellezza, fiducia e consapevolezza nel mondo dell'informazione.