SMS CINEMA: “Ammore e malavita” dei Manetti bros

recensione-ammore-e-malavita
Share

Dopo il successo di Song’e Napule nel 2013 i due creativi fratelli Manetti, sceneggiatori e registi, uniscono in questo delizioso film le atmosfere della sceneggiata napoletana e gli echi pulp tarantiniani per un prodotto originale, ben fatto e divertente

Si percepisce che gli autori si sono divertiti a scriverlo, miscelando l’amore per il cinema con una parodia della camorra surreale e ironica che però lancia messaggi positivi.

Se la saga di Gomorra, nell’intenzione di combattere la criminalità organizzata ha creato al contrario un cult e un modello di riferimento nell’anti-eroe “cattivo”, l’approccio qui usato dai registi ne dissacra il mito e fa apparire i camorristi come schiavi di se stessi pur di avere soldi e potere.

La storia sentimentale a lieto fine, pur tra decine di morti ammazzati senza remore morali, rimane il filo conduttore che riscatta i personaggi verso un destino migliore di quello che la malavita ha pensato per loro.

Bravi attori e caratteristi e una sana dose di buone risate. (P.C.)

b-hop web magazine

b-hop web magazine

b-hop è informazione indipendente e costruttiva, per raccontare opportunità di cambiamento e storie di benessere autentico. Uno spazio di libertà e creatività dove la crescita interiore si integra con l’azione sociale e collettiva, guidati dal filo rosso della Bellezza.
b-hop web magazine
Share