I ragazzi del cinema America lasciano Trastevere: “Andiamo in periferia”

(di Maralis) – L’hanno chiamata la “trasteverizzazione” di Roma. E’ il passaggio della “resistenza culturale” sperimentata a Trastevere, nelle periferie romane. I ragazzi del Cinema America, spodestati della loro piazza, annunciano di voler Leggi tutto »

La Sala Troisi a Trastevere ai ragazzi del Cinema America, una vittoria per Roma

(di Maralis) – I ragazzi del Cinema America, che protestavano contro la demolizione della sala romana, ce l’hanno fatta: dal 31 ottobre prossimo, costituiti in associazione, gestiranno finalmente la storica Sala Troisi a Leggi tutto »

A Bruxelles l’angolo di bellezza nascosta che non ti aspetti: lo spazio artistico “La Bellone”

(di Andrea Tavella) – A Bruxelles non ci sono solo birre trappiste e mâitre chocolatier. Un angolo nascosto di città, tutto da scoprire, è La Bellone, uno spazio artistico originale dove il Leggi tutto »

SMS CINEMA: “L’ora più buia” di Joe Wright

(di Filippo Bocci) – “Vi prometto soltanto sangue, fatica, lacrime e sudore”. Questo era Winston Churchill, adesso splendidamente ritratto nell’Ora più buia, pellicola diretta da Joe Wright. Il quarantaseienne regista londinese, noto Leggi tutto »

SMS CINEMA: “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh

(di Filippo Bocci) – A Ebbing, nel profondo Missouri, Mildred Hayes, disperata ma lucida e forte come una tigre, affigge tre enormi cartelloni che dichiarano guerra alla polizia locale, colpevole forse di non Leggi tutto »

 

I ragazzi del cinema America lasciano Trastevere: “Andiamo in periferia”

(di Maralis) – L’hanno chiamata la “trasteverizzazione” di Roma. E’ il passaggio della “resistenza culturale” sperimentata a Trastevere, nelle periferie romane. I ragazzi del Cinema America, spodestati della loro piazza, annunciano di voler portare l’arena estiva nelle zone dove non c’è mai stata: Tor Sapienza, Valle Aurelia e porto di Ostia.

Lascia l’impiego in banca per la medicina cinese e il Qi Gong: la sfida di Stefania Sobrero

(di Maralis) – Stefania Sobrero, 52 anni, è un medico chirurgo esperto in agopuntura e medicina cinese. Ha uno studio a Roma e fa anche l’istruttrice di Qi Gong, pratica antichissima che unisce arti marziali, meditazione e medicina tradizionale cinese. In realtà non è stata sempre un medico: fino a 34 anni lavorava in banca. La sua storia è un esempio di come si possa cambiare traiettoria, seguendo i propri desideri più profondi anche da adulti.

Perché non riusciamo ad attirare l’abbondanza (e il denaro) nella nostra vita?

La relazione che l’uomo intrattiene con il danaro è sempre stata molto conflittuale. Ancora più nei nostri tempi travagliati che richiedono una profonda rimessa in discussione del nostro sistema economico e della globalizzazione che aumenta il divario tra i ricchi e i poveri. Oggi giorno c’è molta confusione su cos’è l’abbondanza e su cos’è il danaro che è una delle sue manifestazioni.

La Sala Troisi a Trastevere ai ragazzi del Cinema America, una vittoria per Roma

(di Maralis) – I ragazzi del Cinema America, che protestavano contro la demolizione della sala romana, ce l’hanno fatta: dal 31 ottobre prossimo, costituiti in associazione, gestiranno finalmente la storica Sala Troisi a Trastevere. Ci sono voluti 653 giorni di trafile burocratiche, sopralluoghi, autorizzazioni, corsi sulla sicurezza, incontri con le sovrintendenze, formazione dai Vigili del fuoco ecc… Quasi due anni fa hanno vinto un bando pubblico di Roma Capitale, ma solo tra qualche mese diventeranno i responsabili della sala che negli anni Cinquanta prese il nome di Induno e che aveva chiuso i battenti nel 2013.

A Bruxelles l’angolo di bellezza nascosta che non ti aspetti: lo spazio artistico “La Bellone”

(di Andrea Tavella) – A Bruxelles non ci sono solo birre trappiste e mâitre chocolatier. Un angolo nascosto di città, tutto da scoprire, è La Bellone, uno spazio artistico originale dove il connubio tra tecniche antiche e moderne, spettacoli teatrali e cultura, offre un’alternativa alle classiche amenità turistiche. 

SMS CINEMA: “L’ora più buia” di Joe Wright

(di Filippo Bocci) – “Vi prometto soltanto sangue, fatica, lacrime e sudore”. Questo era Winston Churchill, adesso splendidamente ritratto nell’Ora più buia, pellicola diretta da Joe Wright. Il quarantaseienne regista londinese, noto al pubblico per Orgoglio e pregiudizio, Anna Karenina e per Espiazione, dove già incombeva il dramma della ritirata di Dunkerque, sceglie qui di raccontare, con rigore e lucidità, i primi quindici giorni o poco più di Churchill da Primo Ministro inglese, proprio allo scoccare dell’invasione della Francia da parte delle armate della Wehrmacht con il conseguente, memorabile, rientro in patria del contingente inglese attraverso il canale della Manica.

SMS CINEMA: “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh

(di Filippo Bocci) – A Ebbing, nel profondo Missouri, Mildred Hayes, disperata ma lucida e forte come una tigre, affigge tre enormi cartelloni che dichiarano guerra alla polizia locale, colpevole forse di non aver fatto abbastanza per trovare l’assassino di sua figlia. È la trama, per certi versi scarna, di Tre manifesti a Ebbing, Missouri, film scritto e diretto da Martin McDonagh.

Ha un nome la cantante lirica di strada del video virale: è Sophia Chayka, soprano ucraina

(di Patrizia Caiffa) –  Si chiama Sophia Chayka, è una soprano ucraina di Lviv (Leopoli) e ha 23 anni. E’ la cantante di strada che ha incantato i passanti a Roma, in via Condotti, in un video diventato in poche ore virale, raggiungendo 22 milioni di visualizzazioni e passaggi sulle reti televisive pubbliche e private. La misteriosa cantante dalla voce di usignolo che cantava “Torna a Surriento” si è rivelata rispondendo il 15 gennaio tra i commenti sul profilo Facebook di Bruno Vallo, l’autore del video, ex ufficiale dell’aeronautica in pensione di Brindisi. Vallo si trovava a passare per caso il 10 gennaio in via Condotti, alle 18.15, e ha postato il video.